Home » Posts tagged with » Scienze politiche e sociali
Social integration projects in F.I.G.C. Youth Department

Social integration projects in F.I.G.C. Youth Department

Giuseppe Madonna, Umberto Conte, Department of Sport Sciences and Wellness, Parthenope University, Naples, Italy. Within the projects put in place to promote integration and fight against racism, the FIGC (Italian National Football Federation) has invested and continues to invest energies and resources, with a particular spring after Tavecchio’s election as president. An ad hoc Committee […]

Come ragionano i giudici?

Comments Off
Come ragionano i giudici?

di Aldo Zanca, Dipartimento di Studi europei e dell’integrazione internazionale, Università degli Studi di Palermo. Nel XVIII secolo si sviluppò un processo di razionalizzazione legislativa e di emanazione di insiemi di norme completi, coerenti e privi di ambiguità interpretative, chiedendo che i giudici  adottassero un ruolo rigidamente esecutorio. Si afferma l’idea della completezza dell’ordinamento giuridico, che […]

Continue reading …

Premesse culturali dell’unità europea

Comments Off
Premesse culturali dell’unità europea

di Guido Piovene. Presentazione di Angelo Ariemma. Nel lavoro di catalogazione della Biblioteca di Alexandre Marc, che gli eredi hanno donato al Centro di Documentazione Europea “Altiero Spinelli” dell’Università Sapienza di Roma, abbiamo rinvenuto una pubblicazione del 1952: Première rencontre européenne de la presse, Bellagio, 16-17-18-juillet 1952 / Union Européenne des Fédéralistes. – [S.l. : […]

Continue reading …
Le retoriche del design visivo per la comunicazione sociale

Federico O. Oppedisano. Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria, Università degli Studi di Camerino. Negli ultimi anni diverse campagne di comunicazione sociale, sperimentando singolari registri narrativi, nuovi linguaggi e modalità, si sono impegnate a superare le retoriche convenzionali, che, in alcuni casi, non si dimostrano del tutto adatte a sensibilizzare l’opinione pubblica verso problematiche di […]

Continue reading …

McLuhan, Shakespeare e il potere (dei media)

Comments Off
McLuhan, Shakespeare e il potere (dei media)

di Gian Paolo Caprettini. Il potere, genericamente parlando, si potrebbe definire come l’estensione dell’uomo. Forse questa è soltanto un’immagine antropologica che si riferisce alle capacità che soprattutto la mano esprime chiaramente, e anche il braccio, come fosse un utensile: “le prolongement de la main” secondo l’etnologo Leroi-Gourhan. Il potere è anzitutto una capacità tecnico-pratica di […]

Continue reading …

La degustazione edonistica del vino è gioco?

Comments Off
La degustazione edonistica del vino è gioco?

di Alice Lupi. Perché la degustazione edonistica del vino ha tanti proseliti? Forse il vino è polisemicamente spiritoso? L’ambivalenza, lungi da essere ambiguità, della parola spiritoso, richiama al contempo l’alcolicità della bevanda e l’umorismo; ciò permette di inquadrare l’atto di degustazione edonistica come gioco, un gioco per adulti, un gioco socialmente accettato e condiviso:  «[…]non […]

Continue reading …

La laicità: che cos’è

Comments Off
La laicità: che cos’è

di Aldo Zanca. Il tema della laicità continua ad essere, forse più di prima, all’ordine del giorno ed è per questo motivo che riproponiamo all’attenzione la Dichiarazione universale sulla laicità nel XXI secolo, che costituisce un’efficace e avanzata sintesi dei principi e dei contenuti della laicità, intesa come una dimensione fondamentale del metodo politico delle […]

Continue reading …

Sulla democrazia

Comments Off

di Angelo Ariemma. Ritengo che negli ultimi 20 anni ci siamo fatti un’idea un po’ confusa di cosa sia la democrazia. 1. Se parliamo della cosiddetta “democrazia diretta” ateniese dobbiamo prima fare diverse tare. Atene era una Polis, una città di poche migliaia di abitanti (certo non i 5 milioni dell’Atene attuale); di questi abitanti […]

Continue reading …
Intorno al concetto di Serendipity e alle sue prospettive nell’ambito della ricerca scientifica

di Vincenzo Moretti. 1. Esiste una connessione forte tra la spinta all’innovazione che contraddistingue – fino a rappresentarne il tratto distintivo, l’imprinting organizzativo -, l’attuale fase di sviluppo, e l’importanza del concetto di Serendipity, in particolare nell’ambito della ricerca scientifica, della sua organizzazione, delle sue rivoluzioni, del rapporto tra organizzazione della scienza e valorizzazione del […]

Continue reading …

Biopolitica: una prospettiva valutativa

Comments Off

di Margherita Daverio. Metodo ed oggetto del presente studio “Al di qua, dunque, di quel grande potere assoluto, drammatico, fosco, che era il potere della sovranità, e che consisteva nel poter far morire, ecco ora apparire, con la tecnologia del bio-potere, con questa tecnologia del potere su «la» popolazione in quanto tale, e sull’uomo in […]

Continue reading …
Aspirazioni scientifiche della sociologia e riflessività

di Andrea Spreafico. Il dibattito sullo scientismo nelle scienze sociali riemerge ogni volta che si voglia mostrare la specificità di tali scienze. Ad esempio, a chi capiti di leggere alcuni rilevanti interventi di Alberto Marradi (2010 e 2015) sulla necessità, purtroppo sempre viva, di evitare che le scienze sociali continuino a inseguire ed imitare parte […]

Continue reading …
Cosa è restato di quegli anni Settanta? Per una sociologia storica delle relazioni industriali in un decennio cruciale

di Pierfranco Malizia, Roberto Veraldi. Premessa Gli anni Settanta rappresentano in Italia, ovviamente sotto molti aspetti, un periodo cruciale mai abbastanza studiato e chiarito; nello specifico, tenteremo un excursus sullo sviluppo delle relazioni industriali e dello status/ruolo delle organizzazioni sindacali, in quanto è probabilmente in tale decade che queste, nello stesso momento in cui raggiungono […]

Continue reading …
L’accordo con il Regno Unito: opportunità o regresso per il progetto europeo?

L’accordo con il Regno Unito: opportunità o regresso  per il progetto europeo? (Il presente articolo è una revisione aggiornata dell’articolo già pubblicato in “Il Federalista”, n. 3, 2015)   di Paolo Ponzano. La lettera indirizzata il 10 Novembre 2015 dal Primo Ministro Cameron al Presidente del Consiglio europeo, contenente le richieste britanniche ai paesi membri […]

Continue reading …
Riflessioni sulla progressiva politicizzazione della sottocultura Skinhead e la conseguente ascesa del Punk nell’Inghilterra degli anni Settanta

di Luca Benvenga. L’articolo ripercorre agilmente la conflittualità giovanile in Gran Bretagna attraverso le sottoculture Skinhead e Punk. L’osservazione del fenomeno servirà a verificare l’esistenza di una tesi circa la corrispondenza tra la classe sociale e la progressiva politicizzazione della sfera comportamentale, in seguito alla trasformazione dei sistemi di produzione e del ciclo economico. Nell’Occidente […]

Continue reading …
Nam June Paik, l’immaginazione videoartistica e la sperimentazione tecnologica

di Giulio Latini. Nel costante dettato di una sperimentazione tecnologica dalla profonda impronta umanistica, l’artista elettronico Nam June Paik (1932-2006) – Leone d’oro alla carriera-Biennale d’Arte di Venezia del 1993 – ha dialogato lungo tutta la sua intensa vita con le più avanzate teorie cibernetiche. Sollecitato creativamente dispositivi quali il televisore in chiave scultorea e […]

Continue reading …

Fenomenologia della prostituzione

Comments Off
Fenomenologia della prostituzione

di Danilo Campanella. Il significato del termine prostituzione viene ormai identificato esclusivamente con il fenomeno del mercimonio sessuale del corpo, in genere femminile, oppure, al massimo, di una sua traslazione a fenomeni che ne traggono somiglianza. Ad esempio si dice “si è prostituito/a riferendosi a qualcuno che ha fatto o ottenuto qualcosa venendo a patti […]

Continue reading …
La società della comunicazione generalizzata

di Simone Caminada. Oggi sempre più ci chiediamo come guardare all’arte d’oggigiorno. Prima di proseguire devo premettere che “arte d’oggigiorno” è una definizione che ho introdotto in diversi convegni sull’arte per differenziare l’arte (soprattutto figurativa e plastica) antecedente di circa quindici o venti anni all’oggi fino all’oggi stesso dalla denominata “arte contemporanea” che, in linea generale, […]

Continue reading …
La bellezza come fattore di sviluppo economico e sociale

di Rodolfo Baggio e Vincenzo Moretti. Cerchiamo in questo articolo di indicare in che modo la bellezza possa essere considerata un fattore di crescita economica e sociale e quale possa essere la sua importanza. Facciamo questo percorrendo una linea che lega la bellezza alla creatività e quindi all’innovazione, notoriamente uno dei motori principali dello sviluppo, […]

Continue reading …

Il Manifesto dei Federalisti Europei

Comments Off
Il Manifesto dei Federalisti Europei

di Angelo Ariemma. L’anno che vede la firma dei Trattati di Roma segna la nascita della Comunità europea: solamente sei Stati ratificano quei trattati, solamente una comunità economica nasce in quell’anno, dopo il recente scacco subito dal tentativo di includere anche una Comunità di difesa, solamente i piccoli passi di Jean Monnet consentono l’avviarsi di […]

Continue reading …
Immersive Knowledge & Holographic Computing: approcci complessi per nuove identità del sapere nell’Umanesimo digitale

di Roberto Toscano Le funzionalità dei personal devices di ultima generazione e soprattutto alcuni specifici settori delle neuroscienze contemporanee offrono oggi nuovi approcci per l’interpretazione delle dimensioni multiple dei codici e delle nature dell’informazione/sapere ed anche delle relative multiformi identità dell’uomo contemporaneo, delle società e della realtà/mondo nel quale l’individuo è immerso. In tali scenari, […]

Continue reading …
Digital Humanism and Citizen Science: una nuova visione del mondo

di Anna Toscano. I codici comunicativi peculiari dei new personal devices sottoposti ad un costante processo evolutivo, offrono innovativi approcci nella configurazione di modalità per il racconto della complessità. In particolare nei settori della ricerca e della formazione avanzata diviene sempre più urgente sviluppare approcci e modalità di condivisione e trasmissione dell’informazione il più possibile […]

Continue reading …
Il Modernismo in Italia dal 1979. Storia e Storie attraverso le interviste e le testimonianze dei suoi interpreti

di Luca Benvenga. In questo articolo emerge l’identità biografica dei Mods nel contesto italiano, circostanziata e documentata attraverso una serie di informazioni storiche sul loro stile di vita, sulla sfera comportamentale e ancor di più sulle valenze socioculturali da essi prodotte. Il lavoro propone un taglio di lettura del sociale, il cui intento è quello di […]

Continue reading …
An identification of best practice in Sport organization for disabled

Benedetta Gesuele and Domenico Tafuri. The purpose of this investigation was to develop a list of critical best practices that could be used to take advantage of other Sport Organizations for disabled in the future. We chose to investigate a case study in order to describe this type of specific activity in Italian Context. The […]

Continue reading …
È ancora importante una buona istruzione in Italia?

di Domenico Carbone. Gli italiani e l’istruzione avanzata: i temi di un dibattito articolato Il presente articolo ha lo scopo di analizzare il modo in cui sono cambiate, nel corso del tempo, le credenze degli italiani nei confronti dell’istruzione. Si tratta di un tema di forte attualità alla luce delle numerose evidenze empiriche, emerse nel […]

Continue reading …

Più Europa

Comments Off
Più Europa

di Angelo Ariemma. Riflessioni sull’Europa. Lo spunto viene da due libri, che da punti di vista diversi, arrivano alla stessa conclusione: occorre dare vita a una Federazione europea. Il monito, già lanciato da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi nel 1941 con Il Manifesto di Ventotene, diventa oggi ancora più attuale. L’UE si è costruita secondo […]

Continue reading …

I titoli della ricerca

Comments Off
I titoli della ricerca

La rassegna stampa 2015 dell’Ufficio stampa CNR, analizzata con il text mining, evidenzia una forte prevalenza, nei titoli e negli articoli giornalistici su temi scientifici, dell’ambito salute-medicina-sanità. In particolare le “neoplasie”, con parole come cancro, tumore e cellule tumorali, sono quelle che compaiono con maggior frequenza. In riferimento ad alcune specifiche notizie, poi, emerge un […]

Continue reading …
Cinema e spettatore. Per un’interpretazione critica dei processi fruitivi nella dimensione filmica

Francesco Manfredi e Michele Saviano, Associazione Culturale DiSciMuS RFC «Ho dei sogni ricorrenti. Il più frequente ha a che fare con il mio lavoro: sono nello studio cinematografico e devo preparare una scena. Ci sono tutti, attori, cameramen, tecnici, elettricisti, comparse. Per qualche motivo non riesco a ricordarmi il testo della giornata. Devo guardare continuamente sul mio libro […]

Continue reading …

Warsaw Murals: History Narrated by Street Walls

Comments Off
Warsaw Murals: History Narrated by Street Walls

di Marcin Piekalkiewicz, Dipartimento di Economia Politica e Statistica, Università degli Studi di Siena Society has been completely urbanized… The street is a place to play and learn. The street is disorder…This disorder is alive. It informs. It surprises… The urban space of the street is a place for talk, given over as much to the […]

Continue reading …
L’iniziativa dei cittadini europei (ICE): teoria e pratica

di Paolo Ponzano, Senior Fellow: Istituto Universitario Europeo. Firenze.   1. Premessa L’ iniziativa dei cittadini europei introdotta dal Trattato di Lisbona costitui-sce un’innovazione importante da parte dell’Unione europea – anche se presenta i limiti descritti più avanti – in quanto solo in tredici dei ventotto Stati membri dell’Unione europea esiste a livello nazionale il diritto, per […]

Continue reading …
La valutazione dell’efficacia dell’intervento sociale nell’ambito della salute mentale. Il contributo della scienza dialogica

di Luigi Colaianni, Dipartimento di Neuroscienze e Salute mentale – Fond. Policlinico di Milano. Laboratorio di Metodologia di Analisi dei Dati Informatizzati Testuali (MADIT) UNIPD.   La metodologia innovativa generata dalla scienza dialogica e il modello dialogico-interattivo offrono una strategia efficace che è appropriata all’oggetto di conoscenza, al fine di valutare i risultati e il monitoraggio degli […]

Continue reading …
Storie criminali: modelli di narrazione del Gangster-movie

di Alberto Smaldone. Introduzione Obiettivo di tale lavoro è indagare i modelli di rappresentazione finzionale dell’organizzazione criminale nel contesto del cinema di consumo. Tale testo cerca di evidenziare la messa in scena di determinati topoi narrativi appartenenti all’universo fenomenologico della crescita spirituale e materiale dei contesti criminali. Elementi diegetici quali l’iniziazione, la famiglia, la prova di sangue e […]

Continue reading …
Coesione sociale come responsabilità condivisa. Il ruolo dei cittadini e dei governi locali

di Patrizia Ciardiello, Ministero della Giustizia, Dipartimento Amministrazione Penitenziari. Negli ultimi vent’anni la locuzione coesione sociale ha acquistato un ruolo di primo piano nello spazio discorsivo globale[2], configurandosi progressivamente come principio guida per l’azione pubblica. La rilevanza acquisita dal costrutto è attestata dalla centralità a esso conferita da numerosi organismi di rilievo internazionale e dal […]

Continue reading …
Tra modernità e tradizione. Donne e madri nella fiction televisiva italiana

di Anna Lucia Natale, Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione, Sapienza Università di Roma. 1. Introduzione   Le donne di oggi studiano e lavorano di più, occupano posizioni dirigenziali anche in ambiti tradizionalmente maschili, guidano istituzioni internazionali. Si può dire che abbiano conquistato un’indubbia centralità sociale e professionale, […]

Continue reading …
Quando l’enogastronomia esplode sul grande schermo

di Marco Lombardi. Sono tanti, forse troppi, i volumi e gli “eventi” che parlano di enogastronomia, spesso trasformando la tavola in un oggetto degno (solo) della contingenza delle mode, e ritraendo (anzi, trasformando) gli chef – con la scusa dell’autocelebrazione demagogica del made in Italy – in semplici star capricciose (si veda la copertina di […]

Continue reading …

Tecnologie per combattere lo spreco alimentare

Comments Off
Tecnologie per combattere lo spreco alimentare

di Adolfo Villafiorita, Fondazione Bruno Kessler. Secondo alcune stime, solo in Italia ogni anno si sprecano circa 6 milioni di tonnellate di alimenti, per un valore economico di circa 13 miliardi di euro. Allo stesso tempo molte famiglie vivono sulla soglia della povertà e faticano a trovare le risorse per andare avanti. Le nuove tecnologie […]

Continue reading …

di Emanuele Manes. Alimentarsi è molto più che una semplice introduzione di cibo: è un’azione che inizia già al momento della scelta degli alimenti. Sapere cosa acquistare, imparando a fare la spesa in modo giusto, permette di nutrirsi in modo equilibrato e salutare. La scelta degli alimenti, come qualsiasi comportamento umano, è influenzata da molti […]

Continue reading …
L’adolescenza come generazione nell’epoca dell’individualizzazione: appartenenza e nuove identità

di Mauro Giardiello, Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi Roma Tre. Il senso dell’appartenenza e la formazione dell’identità assumono un ruolo centrale in un’epoca globalizzata, soprattutto in una fase dello sviluppo e della crescita per l’individuo come è quella dell’adolescenza. L’obiettivo del lavoro è di comprendere quanto l’avvento della società globalizzata, insieme alle […]

Continue reading …
La creatività innovativa delle relazioni conflittuali

di Maurizo Lozzi, Presidente CONSCOM. Registro Nazionale Sociologi e Consulenti della Comunicazione.   Potrà sembrare paradossale, ma in questi ultimi anni la violenza sembra non fare quasi più notizia, eppure le cronache quotidiane sono piene purtroppo di casi di “ragazzi per bene” che rapinano per noia, di “baby gang” che spadroneggiano nelle città, di giovani […]

Continue reading …
Comunicare nell’era della televisione. La cultura delle immagini trasmesse

di Patrizia Torricelli, Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne, Università degli Studi di Messina   La percezione umana si avvale, com’è noto, dei sensi che trasmettono al cervello i propri impulsi selettivi. Recepiti da zone neurologiche apposite (Duffau 2010), deputate alla loro scomposizione/ricomposizione, gli impulsi ricevuti stimolano l’attività della corteccia cerebrale che ne filtra i dati […]

Continue reading …
Il “bene comune”: una revisione dei costrutti del discorso delle politiche pubbliche

di Luigi Colaianni, Dipartimento di Neuroscienze e Salute mentale, Fondazione Policlinico di Milano, Laboratorio di Metodologia di Analisi dei Dati Informatizzati Testuali (MADIT), Università degli Studi di Padova Il contenuto di realtà di un oggetto dipende dal metodo impiegato per conoscerlo. J. Dewey [1]   «Milano ha bisogno di buoni cittadini che sappiano vincere la paura». A […]

Continue reading …
L’apprendimento intergenerazionale nei sistemi lavorativi: un possibile percorso di coesione

di Daniela Grignoli, Dipartimento di Economia, Gestione, Società e Istituzioni Premessa Nei sistemi sociali complessi si coglie l’idea che un più elevato grado di coesione sociale sia direttamente proporzionale alla capacità dei sotto-sistemi di seguire continuamente il processo di cambiamento della società. Questa indicazione di carattere generale, apre la strada all’esercizio di riflessione di seguito presentato. […]

Continue reading …
Le culture organizzative. Come la società plasma e difende se stessa

di Claudio Palumbo. (tratto da: Claudio Palumbo, Adattamento e integrazione. Il ruolo delle culture organizzative, in Scienze e Ricerche n. 2, dicembre 2014, pp. 25-28). Per ‘cultura organizzativa’ si intende ‘l’insieme coerente di assunti fondamentali che un dato gruppo ha inventato, scoperto e sviluppato imparando ad affrontare i problemi di adattamento esterno e di integrazione interna; […]

Continue reading …

Media, pubblico e consapevolezza del messaggio

Comments Off
Media, pubblico e consapevolezza del messaggio

di Marino D’Amore. (tratto da: Marino D’Amore, Media, pubblico e consapevolezza del messaggio, in Scienze e Ricerche n. 1, novembre 2014, pp. 52-54) La comunicazione caratterizza fortemente la nostra quotidianità, il ritmo delle nostre vite, la nostra conoscenza del mondo, azzerando tempi e distanze. Un processo continuo, progressivo che, soprattutto oggi, vede i destinatari del […]

Continue reading …

Ventre affamato non sente ragioni?

Comments Off
Ventre affamato non sente ragioni?

di Franco Riva. Simili tra loro, due detti di culture diverse trattano il cibo come qualcosa d’insieme facile e difficile, semplice e complesso, normale e straordinario. E dunque non così facile e semplice da scivolare nella banalità, non così difficile e complesso da farsi incomprensibile, né così normale da diventare irrilevante né tanto meno così […]

Continue reading …

Grande Fratello. Il trionfo dell’ “io minimo”

Comments Off
Grande Fratello. Il trionfo dell’ “io minimo”

di Sandro Valletta e Rosa Carbone. Sul Grande Fratello bisognerebbe stendere un velo pietoso e non parlarne più. E’ uno spettacolo stereotipato, con attori di quart’ordine e dialoghi poverissimi. Per riaccendere l’interesse, però, ecco che compaiono a intervalli regolari, su TV e giornali, i commenti entusiasti di qualche critico “disinteressato” che ci spiega come quello […]

Continue reading …
Per un’analisi dei tempi moderni. Senza estetica non c’è etica

di Angelo Ariemma. (tratto da: Angelo Ariemma, Senza estetica non c’è etica. Per un’analisi dei tempi moderni, in Scienze e Ricerche n. 1, novembre 2014, pp. 45-51) Mi propongo di analizzare le nuove modalità di conoscenza e di pensiero che il mondo contemporaneo ha sviluppato. Parlo a ragion veduta di “contemporaneo” e non di “moderno”, […]

Continue reading …
I nativi digitali. Non è mutazione antropologica

Lo spunto per affrontare il tema dei “nativi digitali” ci viene dal seguente libro: Roberto Casati, Contro il colonialismo digitale, Roma-Bari, Laterza, 2013. Il libro raccoglie diversi articoli giornalistici: questo ci sembra un limite, proprio rispetto all’assunto di partenza da cui muove l’autore: in confronto all’informazione reticolare il saggio presenta una coerenza argomentativa dove tutto si […]

Continue reading …

L’estraneità come paradigma esistenziale

Comments Off
L’estraneità come paradigma esistenziale

di Francesco Manfredi e Michele Saviano L’«estraneità» costituisce un paradigma concettuale ed esistenziale in grado di sintetizzare le differenze individuali che attraversano il flusso sociale della polisemica «modernità liquida»; in tal senso, l’«estraneità» è stata tematizzata ed indagata criticamente dal bioeticista americano H. T. Engelhardt jr., secondo il quale tale categoria identifica non soltanto il dualismo […]

Continue reading …

La difficile fratellanza delle conoscenze

Comments Off
La difficile fratellanza delle conoscenze

di Vincenzo Villani. Verrà il giorno in cui la conoscenza del mondo sarà esaustiva? In cui lo sforzo collettivo della scienza e della conoscenza tutta avrà raggiunto la comprensione completa della Realtà? O al contrario, la conoscenza del mondo è necessariamente destinata a rimanere incompleta per quanti sforzi compiamo? E in modo apparentemente paradossale, dato […]

Continue reading …

Per una riflessione bioetica contemporanea

Comments Off
Per una riflessione bioetica contemporanea

di Francesco Manfredi e Michele Saviano. La riflessione bioetica contemporanea si è configurata e va configurandosi all’interno di uno specifico orizzonte storico-culturale che, nelle parole del grande bioeticista americano Engelhardt, appare «caratterizzato da accentuato scetticismo, dalla confusione legata al tramonto di certe credenze e al persistere di altre, dal pluralismo delle visioni morali e dalla presenza […]

Continue reading …

Un petit tour intorno al “viaggio”

Comments Off
Un petit tour intorno al “viaggio”

di Cristina Carosi. Da un punto di vista etimologico viaggio è un termine che deriva dal latino viàticus da cui è poi derivato viàtius nel basso latino, con il significato esteso  riguardante la via o il cammino; dal sostantivo maschile si è sviluppato invece il sostantivo neutro viàticum, con il significato di provvigioni, provviste per il […]

Continue reading …

Le dinamiche della modernità

Comments Off
Le dinamiche della modernità

di Francesco Manfredi e Michele Saviano. La riflessione sulla modernità muove dall’assunto che la modernità stessa sia sostanzialmente inassimilabile a modelli metafisicamente fondati che, nel tracciare percorsi di «vita buona», hanno offerto un approdo certo lungo la parabola dell’esistenza umana. Se le dinamiche della modernità si definiscono, appunto, nell’abbandono di un orizzonte cosiddetto «metafisico», la bioetica, […]

Continue reading …
Il valore del tempo e il trascorrere degli eventi

di Giuseppe Bearzi. L’idea vaga, impalpabile, superficiale che si ha del tempo merita essere migliorata, forse approfondita se vogliamo davvero comprendere in che modo lo viviamo e ne fruiamo. C’è una definizione professorale seconda cui il tempo è “la dimensione nel cui guscio concepiamo e misuriamo il trascorrere degli eventi”. E’ sicuramente splendida, ma non […]

Continue reading …

Le ambiguità delle sviluppo pulito

Comments Off
Le ambiguità delle sviluppo pulito

Inserita nell’ambito dell’EuroAsia Economic Forum, si è tenuto in Cina il Low Carbon Emission Summit di Xi’an (www.lcesummit.com), una delle conferenze più importanti del settore in ambito mondiale, che ha ricompreso quest’anno anche il tema dei Meccanismi di sviluppo pulito (CDM), intesi come metodologia e programmazione delle attività antropiche con l’intento di limitare le emissioni di […]

Continue reading …