Home » Posts tagged with » Filologia e letteratura italiana
Mario Luzi. Storia della critica

Mario Luzi. Storia della critica

Emiliano Ventura, Dottorando in Filosofia alla Pontificia Università Lateranense, Responsabile scientifico della Fondazione Mario Luzi. Michel Foucault scrive nel 1970 la celebre frase: “Un jour peut-ětre le siècle sera deleuzien – un giorno, forse, il secolo sarà deleuziano”, riferendosi all’amico filosofo Gilles Deleuze. Dal canto nostro, in questo inizio secolo e millennio, si potrebbe dire: “un giorno, […]

Anvur e oltre: riflessioni operative per la valutazione scientifica dal 2015 in poi

di Graziella Tonfoni. Premessa E’ assai preoccupante vedere come la capacità di reazione immediata a linee di ricerca che necessitano tempi di verifica, mediante la giudicabilità a periodi ravvicinati, possa a abbassare progressivamente la soglia di allerta nei confronti di prodotti concepiti appositamente per essere utilizzati in alcune aree geografiche, ma che sui tempi lunghi […]

Continue reading …
Quando una sillaba ha tanto senso. Incidenza e valore dei monosillabi nella letteratura tra Sette e Ottocento

di Maria Lucia Zito. Poeti, bambini e filosofi, vedono nella sillaba interi universi, mille possibilità espressive, non calcolabili e non predicibili significati. In quel che segue cercherò di aprire un piccolo spiraglio su tutto ciò, ripercorrendo per rapide aperture di scorci il filo della nostra letteratura tra il Sette e l’Ottocento con l’intento di documentare […]

Continue reading …
Digital Humanism and Citizen Science: una nuova visione del mondo

di Anna Toscano. I codici comunicativi peculiari dei new personal devices sottoposti ad un costante processo evolutivo, offrono innovativi approcci nella configurazione di modalità per il racconto della complessità. In particolare nei settori della ricerca e della formazione avanzata diviene sempre più urgente sviluppare approcci e modalità di condivisione e trasmissione dell’informazione il più possibile […]

Continue reading …
Roland Barthes, il potere del linguaggio, la seduzione dei significati

Roland Barthes nasce a Cherbourg, in Normandia, il 12 novembre 1915. L’anno dopo, morto il padre in guerra, si trasferisce con la madre a Bayonne. Conduce una vita con notevoli ristrettezze economiche (“sono stato allora un borghese, ma povero”), si stabilisce poi a Parigi, dove frequenta il liceo. Ammalato di tubercolosi polmonare trascorre periodi di […]

Continue reading …

Ascoltare la realtà. Psicologia e giornalismo

Comments Off
Ascoltare la realtà. Psicologia e giornalismo

Gian Paolo Caprettini, Università degli Studi di Torino. Nel riflettere sull’insegnamento e l’impegno, scientifico e professionale, di Giorgio Blandino, se mi si chiedesse una formula riassuntiva che comprendesse sensibilmente il suo atteggiamento anche come amico oltre che come studioso, così la esprimerei: ascoltare la realtà. E questo perché, nella dimensione del suo operare, si presentava […]

Continue reading …
I tarocchi, un gioco di simboli e incroci ermetici (uno studio comparato dell’immaginario e della filosofia libertina)

Vincenzo Crosio, Storico della conoscenza.  Un detto napoletano dice che: E’ pazzo chi gioca ed è un pazzo chi non gioca. Sembra un Koan zen, ma riflette abbastanza bene l’essenza del gioco, dei giochi. Da quando Huizinga scrisse Homo ludens e da quando Neumann e Morgestern scrissero la Teoria dei Giochi, l’interesse per il gioco come […]

Continue reading …

Iole Chessa Olivares, la poesia della polvere

Comments Off
Iole Chessa Olivares, la poesia della polvere

Fausta Genziana Le Piane Rigore di stile, d’immagini e sincerità di accenti caratterizzano l’ultima silloge poetica di Iole Chessa Olivares intitolata “La buccia del grido” (Lepisma Edizioni) che seduce il lettore immediatamente per lo stile asciutto, pacato e determinato. E’ tempo di bilanci, di consapevolezza estrema, soprattutto tempo di dolore, di “doglie”, di spina d’arsura. […]

Continue reading …

La scrittura della ricerca

Comments Off
La scrittura della ricerca

Graziella Tonfoni, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Alma Mater Studiorum Università di Bologna. In questo articolo, che si conforma e si presenta come semplice sequenza di brevi riflessioni, intendo dimostrare come esista un rapporto rilevante tra lo spazio, ovvero il luogo fisico, inteso come collocazione materiale, in cui avviene l’attività di scrittura, il tempo inteso […]

Continue reading …

Eroi. Concerto a tre voci tra mito e realtà

Comments Off
Eroi. Concerto a tre voci tra mito e realtà

Margherita Mastropaolo (Docente Liceo classico), Tito Baldini (Società Psicoanalitica Italiana), Angelo Ariemma (Centro di Documentazione Europea Altiero Spinelli, c/o Sapienza Università di Roma). L’intero corpus delle leggende eroiche greche copre un arco di tempo brevissimo, compreso nel giro di poche generazioni, mentre in realtà è lunga e complessa la catena di eventi storici, determinanti nella […]

Continue reading …
Filologia della Scienza: prevedibili domande e ragionevoli dubbi

Graziella Tonfoni, Dipartimento di Storia Culture e Civiltà, Alma Mater Studiorum Università di Bologna. Le fasi di profondo turbamento, le tappe in effettiva confusione, la sovrapposizione di molteplici criteri nella valutazione, dei prodotti di ricerca, che le varie economie saggistiche, scientifiche e narratologiche in euro-zona, stanno attraversando, portano al pullulare di numerose estemporanee soluzioni, provvisori rimedi, […]

Continue reading …
Filologia della Scienza: lessico complicato, terminologie emotivamente connotate, necessità di ripetute costanti delucidazioni

di Graziella Tonfoni, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Alma Mater Studiorum Università di Bologna.   Premessa Questo articolo rappresenta il risultato e compendio di una ricerca interdisciplinare, svolta intensivamente nel periodo gennaio-giugno dell’anno 2015, dalla ricercatrice, che ha progressivamente calcolato, analiticamente esaminandole, le conseguenze che dipendono dalla re-interpretazione emotiva di termini di uso comune, successivamente allargata […]

Continue reading …

Pinocchio: fame e cibo nell’Italia contadina

Comments Off
Pinocchio: fame e cibo nell’Italia contadina

di Angelo Ariemma, Centro di Documentazione Europea Altiero Spinelli, c/o Università di Roma Sapienza.   Le avventure di Pinocchio[1], nella loro freschezza, descrivono un mondo di miseria, dove la valenza del cibo assume un eloquente significato d’importanza storica, evidente fin nei significanti dei soprannomi dei protagonisti: mastro Ciliegia, Polendina, come viene soprannominato Geppetto, e lo stesso Pinocchio […]

Continue reading …

Azioni di memoria

Comments Off
Azioni di memoria

di Gian Paolo Caprettini, Università degli Studi di Torino   Un’opera che contenga teorie è come un oggetto su cui si sia lasciato il cartellino del prezzo Marcel Proust   1. Scolpire il tempo Memoria e dominio visivo, attraverso la fissazione iconica del ricordo, operano congiuntamente per creare una galleria di riferimenti e allusioni, per determinare […]

Continue reading …
Leggibilità solidale e trasparenza filologica per una divulgazione scientifica sostenibile

di Graziella Tonfoni, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, Alma Mater Studiorum Università di Bologna     Premessa  Questo articolo prefigura uno scenario utopico, plausibile, realizzabile. Tratteggia un futuro didattico auspicabile, ove l’eccellenza di un Ateneo, rispetto ad un altro, non si misurerebbe più in relazione all’attrattività numerica degli studenti, alla quantità dei contratti di scambio, di […]

Continue reading …
Il ciocco di Giovanni Pascoli: un’indagine “astronomica”

di Filomena Montella, docente di lettere.  L’astronomia, o meglio, le bellezze del cielo hanno da sempre affascinato i poeti italiani. In particolare nelle liriche del poeta Giovanni Pascoli la presenza degli oggetti astronomici assume una fortissima valenza lirica e conoscitiva. L’analisi del componimento Il ciocco, presente nella raccolta dei Canti di Castelvecchio, intende dimostrare appunto […]

Continue reading …

Ernesto: l’ultimo esorcismo

Comments Off
Ernesto: l’ultimo esorcismo

di Angelo Ariemma. (tratto da: Angelo Ariemma, Ernesto: l’ultimo esorcismo, in Scienze e Ricerche n. 2, dicembre 2014, pp. 93-109). 1. Romanzo di una biografia sognata Il romanzo che Saba scrisse in una clinica romana nel 1953, in pochi mesi di grande felicità creativa, ma pubblicato solo nel 1975, si presenta, pur nella sua incompiutezza, come […]

Continue reading …
Ma quanti e quali derivati hanno le parole più usate?

di Domenico Russo. (tratto da: Domenico Russo, Ma quanti e quali derivati hanno le parole più usate? Qualche dato sulle famiglie etimo-morfologiche del lessico italiano, in Scienze e Ricerche n. 2, dicembre 2014, pp. 13-16)   1. Il nostro Vocabolario di Base Conosciamo da tempo quali sono le parole più usate e note dell’italiano e da […]

Continue reading …
La cultura nuragica. I Fenici di Grazia Deledda via internet

di Enrico Acquaro. (tratto da: Enrico Acquaro, I Fenici di Grazia Deledda via internet, in Scienze e Ricerche n. 2, dicembre 2014, pp. 22-24). La rilettura delle opere di Grazia Deledda utili alla redazione del sito www.fenici.unibo e il loro inserimento avvenuto nel mese di luglio 2014 fra le fonti di letteratura italiana hanno coinciso con […]

Continue reading …