Intervento Osteopatico nel Low Back Pain Specifico: una Revisione Retrospettiva di Cartelle Cliniche

di Claudio Civitillo.

L’osteopatia è una modalità terapeutica manuale indicata per il low back pain non specifico, ma pochi studi hanno indagato sulle potenzialità e la dimensione dell’effetto di questa cura in pazienti con low back pain causato da meccanismo fisiopatologico specifico (LBPS)

Metodi. Un campione di centoquarantuno cartelle cliniche (CC) sono state analizzate rispettando i criteri di inclusione / esclusione. Il periodo di revisione è stato retrospettivo di 1 anno presso un centro di pratica privata osteopatica. I punteggi di strumenti di misura per la colonna vertebrale sono stati utilizzati per valutare il miglioramento della qualità del dolore e disabilità. Il test-t per dati appaiati per il grado di differenza delle medie (p< 0.05 : IC 95%), e i valori della d di Cohen’s ( d=.20, .50, .80) per la verifica della dimensione dell’effetto sono stati utilizzati

Risultati. Un n. di “53 CC” sono state escluse perché comprendevano i criteri di esclusione (infezione, artrite reumatoide, neuropatia diabetica, spondilolistesi, stenosi del canale lombare, patologia oncologica). Un n. di “88 CC” finale (56% di sesso femminile, 50 ± 14.07, BMI 26,01 ± 4,44) e (44% di sesso maschile, 45 ± 12,25, BMI 26,56 ± 3,46) sono state incluse perché rispondevano ai criteri di inclusione (erniazione dei nuclei polposi, osteoporosi, esiti di frattura vertebrale, scoliosi, degenerazione del disco intervertebrale). I valori per il grado di differenza delle medie e dimensione dell’effetto del trattamento riferito a strumenti di misura Oswestry Disability Index e Roland Morris registrano (p< 0.00; d.= 0.58 : p< 0.00; d.= 0.80)

Discussione. L’intervento osteopatico segnala risultati significativi con un effetto clinico medio-largo per la risoluzione del dolore e disabilità vertebrale associato a LBPS

Conclusioni. I risultati suggeriscono che le sperimentazioni future in questo settore devono considerare sottogruppi specifici di pazienti per consentire una strategia più appropriata di diagnosi e trattamento

Introduzione

Il low back pain (LBP) è classificato come non specifico / specifico, e in base alla durata dei sintomi come acuto (meno di 6 settimane), sub-acuto (tra 6-12 settimane), o cronico (più di 12 settimane)3. Negli Stati Uniti si calcolano costi totali relativi a questa condizione clinica che superano i 100 miliardi di dollari all’anno1. Dopo la cardiopatia ischemica, e la malattia polmonare ostruttiva cronica è al primo posto per anni vissuti con disabilità2. La distinzione tra LBP non specifico / specifico, e acuto, sub-acuto, cronico, è utile non solo per gli studi epidemiologici, ma anche per indicare strategie appropriate per la diagnosi e il trattamento2. Il LBP specifico (LBPS) è identificato in sintomi causati da un meccanismo fisiopatologico specifico. Questi meccanismi hanno un fattore prognostico di estremo rischio di dolore e disabilità persistente cronica della colonna vertebrale, e sono segnalati per rappresentare circa il 15% di tutti i LBP3. L’Osteopatia4, è una modalità di cura libera da somministrazione di farmaci, che utilizza il trattamento manipolativo osteopatico (OMT) per la risoluzioni delle disfunzioni somatiche (DS)17 e risulta appropriata per il LBP non specifico5, ma è stato poco studiato il suo effetto per il LBPS. Scopo primario di questo studio è stato valutare il grado di effetto del OMT rispetto al LBPS, includendo i punteggi di strumenti di misura per la colonna vertebrale utilizzati per la valutazione del dolore e disabilità. Gli obiettivi secondari includevano le variabili delle caratteristiche socio demografiche, classificazione, fattori di rischio e prevalenza

(… segue …)

Leggi l’articolo completo: Claudio Civitillo, Intervento Osteopatico nel Low Back Pain Specifico: una Revisione Retrospettiva di Cartelle Cliniche, in Scienze e Ricerche n. 31, 15 giugno 2016, pp. 68-73